La procura degli Stati Uniti ha condannato Tekashi 6ix9ine a due anni di reclusione.
Il Rapper uscirà di galera nella seconda metà del 2020 e sarà sotto libertà vigilata per i 5 anni successivi.
Avevamo parlato di tutta la vicenda già in passato come nell’articolo “6ix9ine verrà scarcerato“.
Oggi siamo qui per aggiornarvi sulla vicenda e come si evolverà nei prossimi mesi.

6ix9ine condannato a due anni

Daniel Hermandez in arte 6ix9ine è ufficialmente condannato a due anni di prigione.
Ha già trascorso 13 mesi di reclusione in carcere, quindi gli rimane solo meno di un anno di prigionia.
Il giudice ha tenuto conto di tutto ciò che il rapper ha riferito alle autorità, ma ciò non è bastato.
E’ entrato in carcere nel 2018 insieme agli altri membri della “Nine Trey Gangsta Bloods”.
6ix9ine è accusato e condannato per nove reati, tra cui detenzione di armi, tentato omicidio e affiliazioni a gang criminali.
Hermandez è stato decisivo in varie condanne, è il testimone chiave che ha fatto arrestare varie persone tra cui, Anthony Ellison e Alijermiah Mack, membri di gang criminali importanti.

Cambierà identità e non farà più musica?

Qui si affronta un argomento molto delicato e particolare. Sicuramente Daniel ha fatto la scelta giusta. Pentirsi delle sue gravi azioni e provare a fare la scelta giusta, soprattutto per lui.
Ovviamente tante persone sono andati in carcere per la sua testimonianza. Questo comporterà una vendetta certa da parte della gang nei suoi confronti.
Attualmente ha firmato un contratto con la sua vecchia etichetta la “10k Projects“. Quindi sta annunciando già da adesso che vuole ritornare nel mercato del Rap.
Ormai manca sempre meno a capire definitivamente quali saranno le sue mosse.
Ha due strade, la prima è cambiare identità, farsi una plastica facciale e iniziare una nuova vita in un nuovo Stato. La seconda è ritornare nel Rap Game e concludere la sua vita come meglio crede, da star, da 6ix9ine come lo abbiamo conosciuto tutti.

Leggi anche: Bello Figo denunciato dall’università di Pisa