Anonymous per via delle vicende che stanno succedendo in America, ha deciso di andare contro la polizia americana.
Oltre ai vari rapper americani, che si sono esposti sull’accaduto, sostenendo la Black Lives Matters, anche il gruppo più importante di hacker ha deciso di farlo.
Infatti, Anonymous vuole sostenere la protesta per George Floyd. Il collettivo di hacker ha dichiarato di voler sabotare la polizia di Minneapolis. Le loro intenzioni sono di scoprire tutti i reati commessi dalle forze armate e rivelarle a tutta l’America.
Nei loro profili ufficiali hanno pubblicato un lungo video in cui avvertono la polizia americana, di esporre tutti i crimini che hanno commesso contro i cittadini.
Il motivo di questa scelta è per supportare le persone stufe di violenza e della grande corruzione americana.

Anonymous contro la polizia

La dichiarazione di Anonymous: “Salve cittadini degli Stati Uniti, questo è un messaggio da Anonymous e al dipartimento di polizia di Minneapolis. La violenza perpetuata dalla polizia rappresentano un problema diffuso negli Stati Uniti. Tutto questo, ha influenzato notevolmente ogni tipo di giurisdizione nel Paese, ma la polizia di Minneapolis è una delle peggiori. Ci sono un terribile numero di episodi di violenza e corruzione. L’episodio successo a George Floyd, che ha scatenato proteste e indignazioni in tutto il Paese, rappresenta solo la punta dell’iceberg, di una lista di crimini causati dalle forze dell’ordine del vostro stato.
Questa pagliacciata è andata avanti per fin troppo tempo e adesso la gente ne ha abbastanza. Nel recente caso di George Floyd, la crudeltà mostrata dagli agenti è inconfutabile. In più, le testimonianze rilasciate sino ad ora, dimostrano che Floyd abbia collaborato a pieno con gli agenti.

Infine speriamo che l’articolo su gli Anonymous contro la polizia, sia stato interessante e di vostro gradimento.
Leggi anche: 6ix9ine si espone sulla vicenda di George Floyd