MamboLosco, al secolo William Miller Hickman III è uno degli artisti più in voga del momento in Italia. Non si conosce molto sulla sua carriera in quanto i brani più recenti appartengono al 2017, quando rappava anche in inglese. É uno dei fondatori della Sugo Gang e si presenta al pubblico mainstream con il brano “Guarda come flexo”. Brano in collaborazione con Edo Fendy, che nel 2017 lo porta al grande atteso successo.
Di lì a poco firma con la TriploSette Ent, ovvero, con l’etichetta discografica della Dark Polo Gang. Dopo diversi mesi torna con la seconda parte di “Guarda come Flexo” ripuntando i riflettori su di lui. Pochi mesi dopo presenta il suo primo album ufficiale “Arte”. Parola che ha anche deciso successivamente di tatuare sul suo volto. Il disco riscuote un ottimo successo schizzando nelle prime posizioni.
Oggi andremo a leggere quelle che sono alcune curiosità su Mambolosco.

CURIOSITÀ MAMBO LOSCO
Mambolosco

7 curiosità su Mambolosco che non conosci

Molti non sanno che MamboLosco ha origini americane.  Suo padre è un militare dell’esercito statunitense, mentre sua madre è italiana.

La sua fidanzata è la rapper e influencer L000lita, che su Instagram conta oltre 80mila followers.

E’ nato nel 1990 a Vicenza ed il l suo segno zodiacale è il Leone (16 Agosto)

Tutto il suo primo disco “Arte” è stato realizzato nella sua città, a Vincenza, compresa la parte grafica e fotografica.

L’amicizia e la collaborazione con Tony Effe avvenne su Instagram. Questo quando totalmente a caso quest’ultimo pubblicò una storia dove ascoltava un pezzo di Mambo.

Dopo l’ingresso della Sugo Gang in TriploSette Ent, quest’ultimo decise di uscire poco dopo, segnando la rottura del gruppo. Ad oggi non sono ancora chiari i motivi.

In passato è spesso stato additato come “Snitch” dai suoi haters. Questo per via di alcune vicende legali accadute quando ancora non era popolare. Tutt’oggi non si è mai saputa la verità sulla vicenda.

Speriamo che le curiosità su Mambolosco vi siano piaciute.
Leggi anche : Le frasi migliori di “Arte”