Oggi vogliamo portarvi le migliori frasi di LowLow tratte dal suo nuovo album, “Dogma 93”. Il rapper romano torna sulla scena a distanza di 2 anni dal suo ultimo lavoro, “Il bambino soldato”, un album introspettivo nel quale ha raccontato molto di sè e del suo passato.
“Dogma 93” è invece un disco molto cinematografico, nel quale ha voluto esprimere dei concetti e delle emozioni attraverso il racconto di alcune storie, impersonificandosi in personaggi realmente esistiti. Come Bobby Fisher in “Bobby” e Jim Jones in “Jones Town”. Un disco colmo di storytelling, che di questi tempi vediamo sempre più raramente nel rap italiano.
Detto questo vi lasciamo alle migliori frasi di LowLow tratte da il suo nuovo Album.

 

 

Le migliori frasi di LowLow tratte da “Dogma 93”

Per chi non mi ha mai creduto, chi è rimasto seduto mentre io gridavo: “Aiuto”, ed ogni singolo rifiuto ricevuto, in vita ho fatto grandi cose, ma non ho mai vissuto. (Bobby)

Io senza un’infanzia, un bambino trascurato, so che niente può salvarti, tranne il calore umano. (Bobby)

Pieno di violenza come un film di Refn, ragazze identiche a dei manichini, tutto così bello che è chiaro che è finto, siamo come bambini che hanno bisogno di farsi notare. (Dogma 93)

Il problema col mio film è che non conosciamo la fine, la mia più grande paura è che sia sotto le aspettative. Perché la fine è importante, nelle strofe e nei film, in tutte le opere d’arte, il resto è quasi insignificante. (Dogma 93)

Senza vedere niente, senza pensare a niente, senza un amore infelice da cercare sempre. Senza cercare niente, senza ascoltare niente, ti lasci andare alle emozioni solamente. (Non siamo niente)

E a volte è facile farsi deprimere, è più facile dividere che unire, e a volte è troppo facile farsi dirigere, è più facile far piangere qualcuno o farlo ridere? (Non siamo niente)

Non sono il tipo aggrappato alla nostalgia, ti giuro che è colpa mia se brucia la nostra via. Ma ti guardo e il sole mi passa attraverso, fra amore e odio ci siamo noi in mezzo. (Mondo sommerso)

Perché la solitudine mi appaga e i ponti che brucio fanno luce sulla mia strada.
Quante cose che non faccio più, raccontare le mie debolezze per farmi tradire, come hai fatto tu. (Mondo sommerso)

Se l’amore è dolore, io l’amore non lo sento, sono solo un bambino annoiato cresciuto in centro. Sono solo una storia per fare intrattenimento. (Hikikomori)

Questa gente mi fa portavoce del loro dolore, perché sanno che anche il mio dolore è atroce. In sintesi, io parlo a tutti i rifiutati, a chi si mette in mostra per i motivi sbagliati. (Jones Town)

Tutti guardano gli stessi film, nessuno legge libri, tutti vestiti uguali, tutti prevedibili. La musica ormai è un linguaggio da rincogli*niti, quando parlo con un mio coetaneo mi vengono i brividi. (Jones Town)

Hai mai pensato di essere depresso? Ti senti la brutta copia di te stesso? Basta vedere le cose in modo diverso, facile a dirsi, sì, quasi uno scherzo. (Il nulla senza fine)

Ti sei mai sentito diverso da tutti? Neanche un’emozione può raggiungerti. Fino a che Dio ti manda una persona, per farti uscire di testa, sono i suoi stupidi trucchi. (Il nulla senza fine)

Vorrei legarti, incatenarti, solamente per guardarti. Sembra da malati ma è una cosa dolce, tipo in un posto che nessuno se ne accorge. (Se fossi in te)

Penso che dentro di me c’è qualcosa di rotto, ed eri tu a farmi sentire un mostro.
A farmi sentire sporca, a farmi sentire in colpa, quella che eri una volta oramai è morta. (La ragazza nello specchio)

Mamma non ho la forza, non più questa volta. la gente mi ha dimenticato, sai, non ha memoria. Lo so, lo dico sempre ma a questo giro è grave, no compromessi, se fallisco mi devo ammazzare. (La mia parte migliore)

Prendo da voi tutte le cose buone, la mia parte migliore. Una canzone che fa emozionare, dentro ha tutta la forza che mi date. Mamma e papà sono brave persone, la mia parte migliore. (La mia parte migliore)

Un italiano ride soltanto quando il discorso era serio. Generazione ribelle, noi costruiamo sul niente, sappiamo cosa non ci serve: il prossimo stupido film degli Avengers. (Spazzatura bianca)

Ti hanno detto puoi fare quello che vuoi, però attento a ciò che vuoi, ci sono dei confini.
Io non credo in Dio: credo nel mio ego, io credo in me, almeno credo. (Spazzatura bianca)

Io non so cosa c’è che non funziona in me, perché nonostante tutto ritorno sempre da te. (Io potrei)

Potrei parlare di caz*ate come fanno tutti e dopo mentire a me stesso come fanno tutti.
Girami dall’altra parte come fanno tutti, vivere un ruolo da comparsa e invece… (Io potrei)

Io sto male dovunque mi metti, per questo ogni giorno provo ad essere migliore.
Per rendere speciale ciò che ho intorno. (Quello che cerco)

E siamo tutti stretti dentro abitazioni, piccole e sperdute proprio come i nostri sogni. (Superuomo)

Non dico niente di originale, discorsi immorali solo per farmi notare.
E ascolto le mie canzoni con lo stesso disgust di chi è appena venuto dentro a una che non gli piace. (Superuomo)

 

 

Se queste frasi di lowlow ti sono piaciute leggi anche : Intervista a LowLow, vi presento “Dogma 93”