Abbiamo realizzato un’intervista ai Sierra, il duo romano composto da Giacomo Ciavoni e Massimo Gaetano. Molti di voi avranno sentito parlare di loro grazie alla partecipazione ad XFactor 2019, che gli hanno permesso di arrivare ad un pubblico molto più ampio. Con il brano “Enfasi” hanno conquistato le classifiche e sono riusciti ad affermarsi nella scena italiana. Attualmente hanno all’attivo un solo album ufficiale, intitolato “Ave Maria”, pubblicato nel 2018 in maniera indipendente. Da pochi giorni è uscito “Come mai”, il nuovo singolo, pubblicato venerdì 8 maggio per Sony Music Italia. Per l’occasione abbiamo avuto l’opportunità di scambiare due chiacchiere con loro. Nelle prossime righe potrete leggere la nostra intervista, buona lettura!

intervista ai sierra
Sierra – Come Mai

Intervista ai Sierra

Cominciamo con una domanda per rompere il ghiaccio. Verso che età avete iniziato ad appassionarvi al mondo della musica e con quali artisti siete cresciuti?

M : Io alla musica mi sono avvicinato durante il liceo, incominciai a suonare la batteria. In seguito iniziai a scrivere testi, in parallelo. Gli artisti che più mi hanno influenzato sono stati, per quanto riguarda l’Hip Hop : Mondo Marcio e Noyz Narcos. Per quanto riguarda il cantautorato : Lucio Dalla, De Andrè e De Gregori. Ho sempre spaziato molto, grazie ai miei genitori, che mi facevano sentire i dischi dei cantautori italiani.

G : Anch’io ho iniziato ad approcciarmi alla musica con la batteria, infatti siamo entrambi due batteristi. Durante la mia adolescenza ho ascoltato per lo più musica metal, essendo stato anche in una band di questo genere. Ero in fissa con gli Slipknot e i Linkin Park. Per quanto rigurda il Rap, mi ci sono avvicinato ascoltando i Colle Der Fomento, Noyz Narcos e poi Salmo.

Artisticamente parlando, che cosa facevate prima del progetto “Sierra”, e quando avete deciso di iniziare questo percorso musicale insieme?

M : Io avevo un mio percorso solista, in parallelo mi muovevo con il gruppo Sierra, che inizialmente era più un hobby. In seguito ho abbandonato la strada da solista per dedicarmi unicamente al progetto di gruppo con Giacomo. Lavoravo anche in uno studio, registravo i ragazzi, questa esperienza mi ha sicuramente aiutato.

G : Abbiamo fatto tanta gavetta, provenivamo da due mondi diversi. Ci siamo trovati all’interno del progetto “Sierra” che inizialmente doveva essere una sorta di crew che raggruppasse i vari artisti di zona, un esperimento che poi non ha dato i frutti sperati. Anche perchè gestire tante teste non è facile.

Come nasce la vostra musica e qual è il vostro metodo di lavoro?

Noi abbiamo due produttori con cui lavoriamo sempre. Siamo ogni giorno in studio e questo ci porta a produrre quotidianamente nuova musica. Ti ritrovi dopo un mese che hai vasta scelta da proporre al management o all’etichetta. Quindi diciamo che siamo molto produttivi sotto questo punto di vista.

Nel 2019 avete partecipato ad XFactor, e con il brano “Enfasi” vi siete presentati a tutta Italia. Com’è nata l’opportunità di fare un talent e qual è il vostro parere a riguardo?

L’occasione di X Factor è nata a Febbraio dell’anno scorso, perchè le persone che si occupano di fare scouting all’interno del programma ci hanno contattati, proponendoci di fare le audizioni. Noi abbiamo accettato subito, non ci aspettavamo sicuramente di andare così bene. Crediamo che X Factor sia una vetrina importante in un momento storico come questo, dove il mercato discografico è molto attivo.

Come vi vedete all’interno della scena italiana e come descrivereste la vostra musica?

Questa è una bella domanda, sulla quale ci interroghiamo spesso. Noi ci sentiamo più vicini agli artisti che cercano di non scopiazzare e soprattutto di mettere in risalto l’aspetto della scrittura, con dei suoni variegati. Per quanto riguarda il descrivere la nostra musica, partiamo dal presupposto che il nostro percorso è colmo di sfaccettature, quindi è difficile darti una risposta su questo.

Di recente è uscito il vostro nuovo singolo, intitolato “Come mai”. Com’è nato e di che cosa parla questo pezzo?

“Come mai” è un brano che abbiamo registrato a Gennaio ed è un po’ un best of di quello che abbiamo portato ad XFactor. É un insieme di quelle che noi ritenevamo le migliori strofe e il miglior ritornello. Già dal titolo si può capire come si tratti di una traccia che profetizzava un po’ il periodo difficile che stiamo attraversando in questi mesi. Ad esempio la prima frase del pezzo è “Dammi il tempo per essere libero”.

Che progetti avete per questo 2020?

Per il momento è difficile potersi dare degli obiettivi data la situazione, vediamo come volge il problema del Covid. Stiamo monitorando questo. Proporre un disco in questo periodo sarebbe controproducente, anche per il discorso dei live. Quindi vorremmo pubblicare dei singoli fino a quando la situazione non sarà più chiara.

 

Se la nostra intervista ai Sierra ti è piaciuta, leggi anche : Intervista a LowLow