Ciò che è accaduto ieri notte è assurdo, il bilancio per ora è di cinque ragazzi e una madre morti travolti dalla folla e oltre 100 feriti di cui 7 in pericolo di vita, durante il concerto di Sfera Ebbasta a Corinaldo in provincia di Ancona. Qualcuno avrebbe spruzzato dello spray al peperoncino provocando il panico tra i ragazzi presenti, le morti nella calca sarebbero dovute al crollo delle balaustre mentre la folla spingeva per allontanarsi una volta uscita dal locale, ma quale è stata la reazione del web?

Tutto questo dovrebbe farci riflettere su quanto l’errore di pochi possa mettere a rischio o addirittura stroncare vite. Anche se la tristezza maggiore l’ho notata su Web dove COETANEI DELLE VITTIME al posto di riflettere sull’accaduto, continuano a cercare il “commento che possa fargli fare qualche Mi Piace” come “Sfera Ebbasta non è rapper” o “Sfera Ebbasta ha ucciso il Rap e ora anche delle persone” con il misero e disgustoso pensiero fisso di fare like sui social.

Davvero nel 2019 le persone su Instagram e sul web al posto di riflettere sulle disgrazie che purtroppo succedono e cercare di mostrare solidarietà nei confronti di chi stanotte ha perso un figlio, una figlia o una madre, preferiscono scrivere stronzate e ironizzare su un qualcosa che non fa ridere.

Le parole di Sfera: “Sono profondamente addolorato per quello che e’ successo ieri sera a Corinaldo. E’ difficile trovare le parole giuste per esprimere il rammarico e il dolore di queste tragedie. Non voglio esprimere giudizi sui responsabili di tutto questo, vorrei solo che tutti quanti vi fermaste a pensare a quanto può essere pericoloso e stupido usare lo spray al peperoncino in una discoteca.”