Oggi vogliamo portarvi la lista di tutti i rapper sardi più importanti e noti della regione.
Nonostante il distacco geografico e le varie difficoltà degli artisti ad emergere, nel corso degli anni la Sardegna ha sfornato vari talenti.
In questo articolo vogliamo racchiuderli tutti e parlarvi singolarmente di ognuno di loro.

La lista di tutti i rapper sardi

Salmo

Iniziamo con Maurizio Pisciottu, in arte Salmo. Sicuramente è un’artista che non ha bisogno di presentazioni. Nei primi anni in cui il rap stava diventando mainstream, è riuscito a farsi conoscere e diventare in pochi anni uno dei rapper più rispettati della scena nazionale. In più, ha dimostrato che anche nascendo in Sardegna e tra varie difficoltà, nella vita si può arrivare e diventare chi si vuole.

Luna

Luna, è stata recentemente sotto tutti i riflettori grazie al talent XFactor. È nata il 15 gennaio 2002 sotto il segno del Capricorno e viene da Uta, un piccolo paesino in provincia di Cagliari. Sin da piccola, per Luna c’è sempre stata una sola passione, la musica. Sicuramente partecipare ad un talent ed arrivare sino alla fine, gli ha permesso di dimostrare a tutti il suo talento.
Attualmente ha pubblicato il suo primo album ufficiale intitolato “2002”.

En?gma

Il suo vero nome è Francesco Marcello Scano, nato a Olbia il 2 dicembre 1988. È noto per aver fatto parte della Machete Crew, di cui è stato membro e fondatore insieme a Salmo, El Raton e Dj Slait.
Nel corso degli anni ha rilasciato uno street album “Coma”, tre EP (RebusRandom e Dedalo) e l’album ufficiale “Foga” nel 2014.
Nel 2016 il rapper sardo annuncia la separazione definitiva dalla Machete e pubblica da indipendente, Indaco.

Graffio

Ivano Etzi è stato insieme a Teso aka Hey Villen uno dei primi artisti a farsi conoscere in tutto il territorio regionale. Infatti, dopo i successi di “Ma già sei bellino” e “Ma già sei bellina” insieme a Teso, erano i due rapper più popolari della regione. Negli anni a venire ha avuto vari alti e bassi nel suo percorso, sino a “Cagliarifornia”, una posse track con altri rapper sardi che è diventata in breve tempo una hit.
Dopo quella risalita però non è riuscito a riconfermarsi nel percorso da solista, portando negli anni a venire, purtroppo una decrescita costante.
Attualmente sta continuando a pubblicare nuova musica sul suo account Spotify per passione.

Teso aka Hey Villen

Riccardo Lai è stato insieme a Ivano Etzi come dicevamo prima, tra gli artisti più in vista nel panorama rap sardo. Oltre ai singoli citati precedentemente, ha sempre cercato una sua carriera da solista. Infatti, il suo punto di forza sono sempre state le “Love track”. Sono tante le hit love che ha realizzato, ma la più celebre rimane “Sei la cosa più importante”.
Negli anni successivi ha continuato come Graffio, un percorso artistico ricco di salite e discese. Purtroppo, hanno iniziato a fare Rap e ottenere successo in un periodo storico in cui il mercato non era forte come quello di oggi. Se avessero ottenuto quel successo in questi anni, probabilmente le cose sarebbero andate diversamente.

Riky

Riccardo Giacomini, classe 1990 è un rapper della provincia di Cagliari. Inizia il suo percorso musicale verso il 2005 partecipando e vincendo diversi contest di freestyle nell’isola che gli permettono di farsi un nome nella scena underground Sarda.
Nel 2007 fonda insieme al socio “Rabi” il collettivo BlathaFam. Con il gruppo ha pubblicato diversi album ufficiali tra cui “Volevo un Hummer” e l’ultimo “Blathacadabra” con l’etichetta LAtlantide promotions.
Da solista ha sempre deciso di dar maggior priorità ai singoli. Infatti, il suo primo album ufficiale “Num3r1” arriva solo nel 2015.
In seguito pubblica nel 2016 “Everest” e “Iubilaeum” con Kill Mauri e Uzi Junkana. Nel 2017 pubblica l’album “Riccardo”, nel 2018 il disco “R2” e infine nel 2019 “Conexao”.

Sensei

Alessandro Piludu, in arte Sensei, negli ultimi anni è riuscito a costruirsi una fanbase in tutta Italia.
Rispetto ad altri rapper sardi, ha avuto una strategia ben definita sin dall’inizio, ovvero incentrato il suo percorso artistico sull’extrabeat. Infatti, alcuni video divennero virali su Facebook e venne notato dalla “Bullz records”. Con questa etichetta ottiene i primi successi nel panorama nazionale.
La vera spinta per lui arriva grazie al programma “Tu si che vales”. L’esibizione dell’artista diventa velocemente virale sul web, raggiungendo le 8 milioni di visualizzazioni.
Al momento ha pubblicato 2 dischi, “Acrobazie liriche” nel 2017 e “Top flow” nel 2018.

Doll Kill

Giulia Galitzia, è una rapper italiana classe ‘96, originaria della Sardegna.
Dopo aver esordito sul finire del 2012 con “Punch Line Mixtape”, sono seguite diverse collaborazioni. Infatti, tra queste troviamo l’EP “Double Kill”, pubblicato nel 2014 insieme a Kill Mauri.
Nel gennaio del 2015 entra a far parte del roster dell’etichetta romana “Tak production”, Con questa etichetta pubblica il suo primo disco ufficiale “Struggle” e l’EP “Oh My Doll”.
Nel 2019 inizia a collaborare con la Machete crew. A gennaio dell’anno seguente pubblica il suo primo singolo per Sony Music Italy, “Sulle Nuvole” d inizia un nuovo percorso.

Vacca

Alessandro Vacca, sicuramente è stato tra i primi a rappresentare il rap sardo in tutta Italia. Nei primi anni del suo percorso ha fatto parte del collettivo milanese “Voodoo Smokers Familia”.
Nel 2003, esordisce da solista con l’EP “Mr. Cartoon”, seguito dal progetto “VH”.
Negli anni successivi inizia a collaborare con Fabri Fibra, seguendolo nei concerti come spalla. Nel 2007 pubblica il seguito di VHFaccio quello che voglio. Progetto, pubblicato e distribuito dalla EMI.
In seguito, si trasferisce in Giamaica e nel 2010 pubblica “Sporco”, interamente prodotto da Big Fish.

Il rapporto con Fibra termina nel 2013 quando Fibra dichiara a Rolling Stone di preferire Vacca come amico piuttosto che come rapper. Da quel momento nasce il famoso e lungo dissing che tutti quanti conosciamo.
Parallelamente a questi avvenimenti, il rapper sardo rilascia nel 2013 l’album “Pazienza”.
Nel 2017 decide di tornare in pianta stabile in Italia. Questo porta l’artista a decidere di ripartire da capo con una nuova immagine e un nuovo stile più fresco e attuale. Infatti, rilascia il videoclip di “zero punto zero”, nel quale si taglia i suoi dread quasi iconici oramai.  Grazie a questo cambiamento è riuscito non solo a riottenere il successo già avuto in passato, ma anche ad ottenere risultati ancora più grandi.

Jim De Banlieue

Luca nasce a Napoli nel 1992, da padre napoletano e madre sarda. È un membro del gruppo “Note stonate ganga”. I primi anni di vita li trascorre in un quartiere nel centro storico della città, chiamato Forcella. Dopo alcuni spostamenti all’interno di Napoli, si trasferisce in Sardegna con la sua famiglia, in particolare nel quartiere popolare “Sant’Elia”.
Sin da piccolo è sempre stato molto legato al rap, infatti sperimenta sin da giovanissimo le varie discipline.
Nonostante non sia riuscito a far girare il proprio nome in Italia attraverso la musica, è riuscito comunque a farsi un nome a Cagliari e in Sardegna, venendo riconosciuto tra i vari ascoltatori del genere come uno dei più promettenti e talentuosi della regione.

Hell raton

Manuel Zappadu, nasce a Olbia nel 1990. Oltre ad essere un rapper è anche un produttore e manager discografico italiano di origini latinoamericane. In più, è anche membro e fondatore del collettivo/etichetta Machete.
Nel 2011 pubblica “Basura Muzik Vol.1, mentre nel 2014 rilascia l’ep “Rattopsy”.
Negli anni ha preferito interessarsi di più all’aspetto manageriale della Machete Empire Records. Infatti, si è limitato a partecipare ai vari “Machete Mixtape” e quasi nulla sul suo percorso solista. Nel 2017 fonda inoltre l’etichetta Hellmuzik, in parallelo ai lavori con Machete.
Infine, nel 2020 viene scelto come giudice di X Factor.

Alterego

Gli AlterEgo sono un gruppo rap/raggaeton cagliaritano emergente che vanta numerosi singoli di successo a livello regionale. Il gruppo è formato da Daniele Manca “Sblasta” e Roberto Massa “Raptus” e lavorano alla musica insieme da ormai 10 anni. Infatti, hanno attraversato diversi cambiamenti musicali negli anni. Inizialmente, erano molto più legati al rap classico, e anno dopo anno si sono avvicinati sempre di più a delle sonorità raggaeton.

I Menhir

I Menhir, vengono da Nuoro, e i loro nomi d’arte sono Kingaiè (conosciuto anche con il nome di Kappa) e Momak. Entrambi sono dei pionieri del rap sardo, infatti hanno iniziato a comporre i primi brani verso la fine degli anni ottanta. Ma il gruppo si forma ufficialmente solo alla fine degli anni novanta.
Attualmente non stanno pubblicando nuovi dischi, però hanno fatto la storia del rap sardo underground e non solo. Inoltre, nessuno esclude la possibilità di un nuovo disco.

Cool Caddish

Tra i rapper sardi più noti, non può mancare Cool Caddish. Il suo vero nome è Giuseppe Gabriele Giordan Galietta, ed oltre ad essere un rapper e anche un disc jockey.
Nel 1993, all’età di 13 anni conosce DJ Andy, un Dj sardo, e grazie a lui si appassiona al mondo della musica. Negli anni successivi inizia a scrivere i primi testi e a comporre le prime canzone. Nel 2001 pubblica il suo primo album ufficiale “Nazarethug” e da quel momento non si è più fermato. Infatti, Cool Caddish conta 26 dischi pubblicati ed è uno dei rapper più produttivi di sempre in Italia.

Demi aka Mandrone

Giovanni Andrea Staico, in arte Demi aka Mandrone nasce ad Assemini, in Sardegna. Il successo per lui arriva nel 2011 con “Rosso e blu” il remix di “Black and yellow” di Wiz Khalifa. Prima di questo remix, aveva pubblicato solo 2 ep e alcuni Mixtape.
Il primo album ufficiale esce nel 2011, ovvero “La città del sole”, mentre la seconda parte del disco la pubblica nel 2012.
Dopo il successo ottenuto, sparisce dalla scena per alcuni anni. Ritorna nel 2017 con il nome “mandrone” e un nuovo progetto “Pistolas e rosas”. Difatti, inizia a parlare solo in sardo, sia sui social che nei propri testi rap. Un idea geniale e unica, ideata sia per far conoscere la lingua sarda, e sia per farla imparare alle nuove generazioni di sardi, dato che ormai anche le persone stesse della Sardegna, non sanno più parlarlo.

Gjulio

Proseguiamo con Gjulio, altro giovane artista sardo con tantissimo talento. Nonostante non sia riuscito a trasformare la musica in un lavoro, ha realizzato varie hit regionali. Inoltre, il talento nei brani riflessivi e profondi lo caratterizzano, rendendolo uno dei rapper più particolari della Sardegna.

Nuto Jr

Tra i giovani rapper sardi, Nuto Jr è quello che si sta facendo notare di più. Infatti dopo aver pubblicato qualche singolo come “Sirenette”, che aveva raggiunto tantissime persone, ha deciso di fare un cambio artistico. Ultimamente sta rilasciando dei singoli più street e in linea con la tendenza attuale del panorama rap.

Infine, speriamo che l’articolo e la lista dei rapper sardi vi siano piaciuti.
Leggi anche: Le migliori frasi di Salmo