SINA, all’anagrafe Enrico Silanos, è un giovane artista sardo classe ’95 originario di Alghero.

Nel corso del 2019 pubblica diversi singoli che attirano l’attenzione di pubblico e addetti a lavori. Si contraddistingue da un’urgenza espressiva in grado di comunicare con liriche e flow fuori dal comune e da un timbro vocale unico.

SINA
SINA

All’inizio del 2020 si trasferisce a Milano ed entra nel roster di Island Records. Nei mesi successivi, durante la quarantena, nasce “My Love Lockdown”. Un lavoro che l’artista mette a disposizione dapprima su IG accompagnato da visual realizzati da lui stesso e successivamente su Telegram. Raggiungendo in poco tempo migliaia di interazioni. A settembre SINA si prepara a rilasciare una nuova versione dell’EP, in cui sono stati completati alcuni brani e sono stati aggiunti alcuni feat.

My Love Lockdown (Midnight Sun)” sancisce l’esordio ufficiale di SINA per Island Records. 11 tracce nate dal giorno alla notte caratterizzate da una grande attenzione da parte del rapper nel cogliere le sfumature e l’essenza di ogni lirica e ciascun beat. Con l’intenzione di dare vita a canzoni che non invecchiassero e che al tempo stesso fotografassero fedelmente le vibrazioni del momento.
My Love Lockdown
My Love Lockdown

La raccolta rappresenta infatti il racconto personale di SINA del lockdown, delle oscurità vissute dall’artista in questa fase, come emerge molto chiaramente in “Notti”. La traccia che apre il lavoro e tra le più iconiche dell’EP: un sentimento apocalittico che grava sulle giornate trascorse in casa, la solitudine, la lontananza dalla sua città d’origine, la complessa gestione dei rapporti, la necessità di trovare vie di fuga.

Lo stile di SINA si avvicina al cantautorato rap, con liriche che diventano veri e propri flussi di coscienza e che lasciano emergere la sua urgenza espressiva. Il tutto immerso in una dimensione lo-fi, malinconica che richiama le atmosfere dei film di Miyazaki e dello studio Ghibli. Immaginario a cui si ispirano anche i visual pubblicati. Non mancano tuttavia brani più energici, con sonorità che si avvicinano alla trap.

Nell’album varie collaborazioni, da nomi più affermati come Mecna, Priestess e CoCo, a giovani promesse come Malakay e Yamba, che completano e impreziosiscono le tracce dell’artista sardo.

SINA
SINA

5 CURIOSITÀ SU SINA CHE NON CONOSCI

Nelle prossime righe potrete leggere alcune curiosità sull’artista sardo che forse non conoscete.

Verso che età ti sei avvicinato al mondo della musica e quali sono stati gli artisti con cui hai attraversato la tua adolescenza?

Ho iniziato a scrivere e fare rap dai 16 anni. In quel periodo ho ascoltato di tutto. Ha avuto una parte fondamentale nella mia crescita artistica sentire Drake e Michael Jackson. In Italia i club dogo e soprattutto Gue sono stati tanto nel mio mp3.

Qual è il tuo metodo di lavoro quando realizzi una canzone? Parti dalla strumentale o riesci a scrivere anche senza base, trovando in seguito una melodia?

Il 98% delle volte parte tutto dal beat e da quello che mi dice lui. Il pezzo si scrive da solo se il beat è quello giusto, che sia una roba melodica o più rappata. Alcune volte capita mi venga un flash e scriva senza strumentale. Ma è veramente il 2% delle volte.

Qual è il significato che sta dietro alla copertina del disco “My love lockdown”?

Semplicemente riguarda il viaggio anime e rapporti personali. Da qui gli occhi della ragazza. Il progetto sono un po’ lo specchio di quelle situazioni così come gli occhi quello dell’anima.

Si vede che sei un appassionato di tatuaggi, tra i moltissimi che indossi qual è quello più significativo per te?

Sono più un appassionato delle situazioni fuori dalla mia zona di comfort. I tatuaggi sono quello per me. Provare dolore. Il loro significato è mio, la loro immagine di chi li guarda. Per questo non mi piace troppo parlare del loro senso.

Quali altre passioni coltivi in parallelo con la musica?

Gioco a basket. Quando sto troppo in studio andare al campetto è l’unica cosa che mi fa staccare mentalmente. Anche quando ho altro per la testa.

Se l’articolo ti è piaciuto, leggi anche : 5 curiosità su Geolier Ascolta “My Love Lockdown” di Sina su Spotify